Just a Gigolò: Donne sposate e ragazze vergini le nostre clienti

TRE PROFESSIONISTI DELL'AMORE SI RACCONTANO: GLI ESORDI, LE TARIFFE, LA VITA PRIVATA

Brayan GigolòAbito di alta sartoria e sguardo ammaliante, fisico scolpito per quasi due metri di altezza, e 89 chili di puro sex appeal. Al telefono ha una voce calda e sensuale che risulterebbe perfetta anche per leggere l’elenco telefonico. Roy, 41 anni, ex rappresentante di azienda, da 15 è gigolò di professione. Ma non chiamatelo mestiere, per lui è  una missione, un dovere verso le donne. E se gli si chiede il perché di questa scelta, la sua risposta sembra quasi scontata: “Noi portiamo in giro amore e libertà e diamo alle donne tutto quello di cui hanno bisogno“. Lo confermano Brayan, 26 anni, uno dei gigolò più giovani d’Italia, e il 36enne Gabriel che da circa 10 anni esercita questa professione: “Ho iniziato nel 2006 perché sentivo questa vocazione nel far star bene il mondo femminile”. 

LA PRIMA VOLTA – C’è una prima volta per tutti. Roy, ad esempio, ha iniziato quasi per caso: “Lavoravo già come ragazzo immagine e spogliarellista in una discoteca. Una sera, una donna, mi ha ingaggiato per fare ingelosire il marito che l’aveva tradita. La recita ha funzionato benissimo e da lì ho capito che questo poteva diventare un vero e proprio mestiere” . Per i primi anni ha alternato il suo lavoro di rappresentante con quello di accompagnatore, per poi abbandonare definitivamente il primo e dedicarsi interamente al secondo. La prima volta di Gabriel, invece, è stata con una signora di circa 40 anni: “Ricordo  che mi disse ‘voglio solo che tu mi faccia star bene’, ancora oggi ci vediamo“.

Roy gigolòLE LORO DONNE – Il target della clientela femminile è molto ampio e vario. Nel magico gioco dell’amore non ci sono limiti di età: quarantenni e cinquantenni in crisi matrimoniale, che cercano in loro una scorciatoia meno pericolosa e impegnativa di un amante, come spiega Roy: “Con me è tutto più semplice: mi chiamano, pagano e ci vediamo. Non è come avere un altro uomo, dove c’è il rischio di ricadere nei problemi di una nuova storia”. Lo ribadisce Gabriel, le cui clienti rientrano in una fascia di età compres
a tra i 35 e i 60 anni “dalla casalinga alla proprietaria di azienda”. E poi ci sono le giovani ragazze, in continuo aumento, che contattano Brayan per la loro prima volta, sentendosi più vicine a lui, vista la sua giovane età: “Mi chiamano per perdere la verginità, perché non riescono a sbloccarsi o non sanno come comportarsi a letto”. Per molte il bisogno di rivolgersi ad un gigolò nasce da un profondo senso di solitudine, frustrazione e perdita del piacere coniugale; per altre invece è quasi una condizione necessaria, legata a forti problemi di sessualità. Per questo motivo Roy svolge un ulteriore ruolo di assistente  e terapista sessuale per disabili.  Ma qual è il prezzo per tutto questo?

LISTINO PREZZI – “Il mio cachet in media si aggira intorno ai 500€, a seconda della situazione, ma non scendo mai sotto i 300€. Per questo lavoro, mi sposto in tutta Italia, a volte anche all’estero e questo comporta una spesa ulteriore per le mie clienti, poiché il viaggio è sempre a loro carico” racconta Brayan. Per Roy il guadagno mensile si aggira intorno ai 5.000€, fino ad arrivare, nei periodi di massimo ‘impegno’  a 25.000€ lordi. Parte dei loro guadagni viene impiegata nella cura personale: vestiti eleganti, macchine costose, barbiere, estetista  e palestra a non finire. Investimenti professionali. Anche se non tutti sono professionisti: come in qualunque altro mestiere, c’è chi si improvvisa a farlo: “Purtroppo nel mondo di oggi – spiega Roy – soprattutto su internet c’è il vizio di far proprie altre identità; prendere le biografie di altri gigolò per poi inserirle nel proprio profilo. Non capiscono che una donna se ne accorge e per questo non li contatta. Ai ragazzi che mi chiamano
, almeno una volta al giorno, per avere consigli su come intraprendere la mia stessa carriera, dico sempre di essere più originali possibile, altrimenti non duri molto”. Donne, diffidate delle imitazioni.

Gabriel GigolòVITA PRIVATA? IT’S IMPOSSIBLE – Non c’è relax per un gigolò di professione, la cui vita è interamente dedicata al benessere delle loro clienti. Solo il tempo di un cinema e qualche drink con gli amici, che il telefono torna a squillare per un altro importante appuntamento. E non c’è bisogno di giustificazioni, perché sembra che della vita da gigolò non ci sia nulla da nascondere: “Tutti i miei amici lo sanno” confessa Gabriel e Roy aggiunge che con sua madre ha scritto perfino un libro sulla sua vita. Parlarne con la fidanzata è più difficile: quando si parla di amore tutti spiegano l’impossibilità di avere una compagna stabile.E tutti ammettono di essersi infatuati, almeno una volta, di una delle loro donne: “Se fossi fidanzato non potrei mai fare questo lavoro – continua Brayan – ma non importa: io sono fidanzato un pò con tutte, e questo mi basta”. La loro vita sembra un’enorme giostra, dalla quale non vogliono ancora scendere: “E’ un lavoro che amo troppo e soffrirei moltissimo a lasciarlo” conclude Roy.
Prima di chiudere l’intervista telefonica, la zampata di Brayan, tipica del professionista: “Conserva il numero e se hai bisogno chiama pure.” 

di Elena Brozzetti e Veronica Novelli

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*