Fitcamp: la palestra a cielo aperto del Parco Cittadella

PROGETTO GRATUITO E IN CONTINUA CRESCITA GRAZIE AL PASSAPAROLA

Nutrizione e informazione sono i due principi su cui si basa il programma di Fitcamp, l’allenamento gratuito a Parma, organizzato da Luca Bacchi per tre volte a settimana al Parco Cittadella. Si tratta di un progetto aziendale, dal nome Fitclub24, che prevede un allenamento completo di un’ora, in cui si alternano riscaldamento, esercizi a corpo libero e stretching finale. Gli obiettivi? Stare bene, conoscere gente e divertirsi.

FILOSOFIA DELLA NUTRIZIONE- L’idea nasce dalla volontà di portare informazione e far star bene le persone: è questo il principio che ha convinto Luca Bacchi, direttore dell’azienda Herbalife24 e network marketer, a girare nelle città e proporre un servizio totalmente gratuito basato sull’allenamento di gruppo. Il progetto porta avanti un concetto di benessere derivato da un 80% di sana nutrizione e 20% di attività fisica. “E’ un’idea un po’ diversa rispetto alla legge di mercato classica- spiega Luca-: il business dell’azienda non deriva da questo, siamo noi stessi a finanziarci, per  far conoscere i principi della buona nutrizione.” Infatti all’allenamento vero e proprio seguono dei suggerimenti sull’alimentazione e sulle proprietà energetiche e nutritive di alcune bevande, offerte a chi partecipa per la prima volta all’esercitazione.

CittadellaDOVE E QUANDO- In Cittadella perchè “è un luogo molto frequentato dai parmigiani, ci alleniamo sempre con gli amici”. Continua Luca. “E allora perchè non portare il nostro lavoro in qualcosa che sia anche socialmente utile? Non ci servono permessi, perchè è tutto gratuito”. Oltre a sudare, ci si diverte e ci si conosce. Sono nati amori e amicizie. “Abbiamo iniziato in cinque, due mesi fa, e ad oggi siamo in 75“. Coloro che si iscrivono devono essere maggiorenni e firmano uno scarico di responsabilità per eventuali infortuni.

Sono tre i giorni di allenamento durante la settimana: il lunedì e il giovedì alle 19 e il sabato, in base agli impegni, tra le 15 e le 16. E’ un progetto in estensione, partito da Parma e Reggio Emilia sulla scia di quanto già facevano alcuni ragazzi a Grenoble in Francia: nei prossimi giorni inizierà anche a Piacenza e giù in Sicilia, a Mazara del Vallo, con l’idea di portarlo in tutta Italia perchè piace e “siamo sempre di più. Ogni volta che lo portiamo in una città diversa in pochi giorni si riempie di gente”, dice ancora Luca.

PROSSIMI OBIETTIVI- Primo fra tutti quello di continuare anche durante la stagione invernale, in un posto al chiuso. Se in due mesi il numero è salito da 5 a 70, entro fine estate si spera di arrivare a 200 iscritti. Un traguardo posto dagli organizzatori per orgoglio e perchè è importante per le persone che partecipano avere delle finalità e non fare cose senza senso. “Per ogni paese che raggiungiamo ci siamo posti un numero a cui arrivare in base agli abitanti” continua Luca, precisando inoltre che si tratta di un continuo “passaparola. E’ così che la gente ci conosce, come quando vai in pizzeria e ci torni con degli amici perchè ti è piaciuta. Il principio è lo stesso”. Infatti, a parte qualche post pubblicato su Facebook all’inizio, il seguito è stato tutto un ‘gente che porta gente‘. Gli ingredienti perfetti per allenarsi insieme? Tuta, scarpette e tanta energia e voglia di divertirsi. 

di Felicia Vinciguerra

foto di Francesca Iannello

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*