Quando la crisi diventa opportunità: intervista a Valerio Sebastiani di Boxe Live

Con le palestre chiuse a causa delle restrizioni per il covid, c'è chi si è reinventato attraverso allenamenti in diretta social

Il coronavirus è stato per tutti un imprevisto e ci ha costretto a diverse rinunce. Ma per quanto riguarda le palestre e le associazioni sportive in generale, le possibilità di sopravvivenza sono state ridotte al minimo. Per loro, infatti, le restrizioni sono state particolarmente severe da inizio pandemia e il danno economico stimato fino a questo momento è enorme.

In un articolo de Il Sole 24 Ore vengono analizzate le perdite di questo settore nell’anno solare 2020 e i numeri sono drammatici.  Nei tre mesi di lockdown (da marzo a maggio) la perdita economica è stata del 100%, nei mesi successivi (giugno-ottobre) del 50% circa, mentre per l’ultimo periodo dell’anno, a causa del nuovo blocco totale, si assiste a una nuova perdita totale. Per il 2020 si stima una perdita di 8,5 miliardi circa, ossia il 70% dei 12 miliardi fatturati nell’anno precedente dai 100mila centri (palestre, piscine, campi) sparsi sul territorio nazionale.

Se per molti ciò ha rappresentato un ostacolo insormontabile, altri hanno saputo trarre il meglio possibile da una situazione di crisi generale, attraverso la capacità di riadattamento. Per questo motivo abbiamo voluto intervistare Valerio Sebastiani del canale Boxe Live (presente su Facebook, Instagram e Youtube), che durante tutto il periodo della quarantena ha fatto dirette di allenamenti specifici per il pugilato, per dare a chiunque la possibilità di tenersi in forma con lui. Prima dell’emergenza Covid, infatti, insegnava nella palestra di pugilato del padre, a Roma, e pertanto ha deciso di mettere le proprie competenze al servizio dei follower della pagina. I suoi programmi sono piaciuti e il suo canale è cresciuto sensibilmente, facendogli guadagnare la stima di appassionati da tutta Italia. Vista la situazione di instabilità che riguarda tuttora le palestre, il suo progetto continua ad avere successo.

Boxe Live nasce sei anni fa, con intenti molto diversi da quelli attuali: “Quando ho aperto il canale nel 2015 – racconta Valerio – l’intento era quello di trasmettere combattimenti, ma poi ho visto che la federazione preferisce trasmetterli sui suoi canali e le possibilità di creare contenuti di questo tipo erano minime, pertanto ho cambiato rotta”.

L’emergenza Covid-19, in questo senso, ha rappresentato una vera e propria svolta per le sorti della pagina, che si è trasformata totalmente in un canale di allenamenti in diretta: “Le persone si sono trovate senza la possibilità di allenarsi nelle proprie palestre, allora mi è venuta l’idea di dare una svolta alla pagina. Prima della quarantena avevo già fatto un esperimento da casa mia e avevo visto che fare le dirette mi permetteva di far crescere il canale. Mi sarei allenato comunque e allora ho deciso di unire l’utile al dilettevole, facendolo in live streaming e permettendo a chiunque volesse di seguirmi. Posso farlo anche perché sono tecnico di pugilato da quando ho 21 anni. Abbiamo coinvolto palestre un po’ da tutta Italia ed è stata un’occasione per stringere legami in un momento difficile per tutti”.

“È stato molto bello anche poter collaborare con campioni del calibro di Giovanni De Carolis, il cui allenamento era stato devastante. Il più tosto è stato però quello con Luca Capuano: pensavo di morire!”.

I risultati non si sono fatti attendere e l’impegno è stato premiato con feedback positivi e un aumento costante delle persone che si collegavano per allenarsi: “I follower sono aumentati tanto dall’inizio della pandemia, anche grazie agli utenti che condividevano le dirette. In questo periodo le persone hanno sentito molto la strettezza dei muri. C’era chi mi seguiva addirittura da Londra, dal Belgio, dall’America e dall’Australia”.

Valerio Sebastiani di Boxe Live

Nuovi progetti

Ora bisogna guardare al futuro e l’idea del nuovo progetto “Mira bene Sbaglia poco” risponde ad esigenze ben precise: “Tutto nasce da un problema di fondo: in questo modo di allenarsi manca lo spirito di competizione. Pertanto, se voglio fare di questo un lavoro devo creare qualcosa che al momento non esiste, qualcosa di innovativo. È impossibile fare pugilato a distanza, questo è fuori discussione, ma vorrei creare qualcosa che stimoli la competizione. Gli abbonati al mio canale “Mira bene Sbaglia poco”, per esempio, possono frequentare delle lezioni interattive che facciamo su Zoom. In questo modo posso vedere chi si sta allenando con me e seguirli passo-passo, correggendo gli errori”.

“Ad oggi seguo 25 abbonati di età diverse, – racconta ancora Valerio – il più piccolo ha tredici anni, mentre il più anzianotto ne ha una sessantina. Ci divertiamo molto, ma non posso negare che dal vivo è tutta un’altra cosa. Per ora non ci siamo ancora abituati a questo tipo socialità a distanza e, onestamente, spero che non diventi la quotidianità. Si creano, però, dei legami e le emozioni sono reali. È solo più difficile capire e gestire le persone. Manca una componente che faccio fatica a descrivere, qualcosa che, anche se non si vede, esiste solo nell’interazione faccia a faccia”.

Boxe Live aprirà a breve anche un nuovo sito internet, dedicato alla creazione di contenuti relativi alla nobile arte: “I progetti non mancano, stiamo lavorando alla creazione di un nuovo sito il cui funzionamento sarà analogo allo stile di Netflix, in cui attraverso il pagamento di un canone mensile si potrà fruire di tutti i contenuti. Sto strutturando diversi pacchetti insieme ad Anna lisa Brozzi, laureata in scienze motorie e preparatrice atletica. È un progetto organico, a 360 gradi, con contenuti dedicati al miglioramento della condizione atletica e consigli per lavorare sul proprio mindset. Sarà presente anche un programma alimentare da seguire, studiato dalla biologa nutrizionista Irene Tirozzi, che tra le altre cose collabora anche con la Nazionale Pugilistica Italiana“.

“Poi ho un altro progetto in testa, ma per ora resta un segreto…”.

Le lezioni online possono essere un business

Le dirette, da questa settimana, sono diventate a pagamento, anche per dare un valore agli sforzi di chi lavora alla creazione di contenuti sempre nuovi: “Quando una cosa diventa commerciale solitamente perde un po’ di bellezza, lo so, ma adesso, purtroppo, ho deciso di mettere le dirette fruibili, ma a pagamento. La cifra è molto accessibile, due euro, più che altro per dare un valore, quantomeno simbolico, al lavoro che sto facendo”.

Boxe Live ha saputo trarre il meglio dalla situazione, proponendosi come una valida alternativa al modo “tradizionale” di allenarsi, e i numeri lo testimoniano: più di 14.000 “mi piace” alla pagina Facebook, circa 10.000 follower su Instagram, 15.000 iscritti al canale Youtube e oltre 2 milioni di visualizzazioni. Se i nuovi progetti funzioneranno lo dirà solo il tempo, ma quanto fatto fino a questo momento testimonia il grande potenziale che si cela nel mondo digitale, anche per le attività più legate alla tradizione. Lo stesso Valerio afferma infatti che “la vecchia scuola di pugilato è molto restia al rinnovamento, ma la modernità ci impone di adattarci ai tempi per poter attrarre anche le nuove generazioni“.

Probabilmente, quando il Coronavirus sarà solo un ricordo (si spera presto), la maggior parte delle persone tornerà ad affollare le palestre, ma Boxe Live non si propone come un’alternativa opposta al pugilato in presenza, quanto piuttosto come qualcosa di complementare. Ma forse ci sarà chi, per scelta personale o per necessità, preferirà praticare ancora l’attività sportiva da remoto. Questa tipologia di lezioni, tuttavia, possono anche essere un modo nuovo per avvicinare persone allo sport o diventare strumento di approfondimento per gli appassionati da tutte le parte del mondo.

di Gabriele Diodati 

5 Commenti su Quando la crisi diventa opportunità: intervista a Valerio Sebastiani di Boxe Live

  1. Valerio è troppo un grande… umile e professionale…. ci è stato di grande aiuto durante tutta la pandemia… se avete voglia di tenervi in forma non esitate a seguirlo sui vari canali social… ve lo consiglio vivamente…

  2. Valerio è un ragazzo veramente in gamba e può vantare di una discreta esperienza sia dentro che fuori dal ring nel pugilato.
    È riuscito a motivare e a spronare con parole, tutorial e altri contenuti…molte persone nonché il sottoscritto ancor di più proprio perché non è ora il momento di crollare.
    In bocca al lupo grande Valerio!

  3. Aver conosciuto Valerio è stata una vera fortuna!
    Appena le palestre hanno chiuso per il primo lockdown ho scoperto il canale Boxelive su Youtube e ho cominciato ad allenarmi online con Valerio. Alla fine del lockdown ero quasi dispiaciuto perché gli allenamenti online si erano conclusi, e ho continuato a svolgerli poiché Valerio li ha lasciati a disposizione sul canale.
    Appena ha attivato l’abbonamento, non ho esitato a sottoscriverlo sia per mantenere la possibilità di allenarmi, ma soprattutto per riconoscere il valore dello splendido lavoro fatto da Valerio.
    Sono uno dei 20 e passa abbonati del canale, ogni mercoledì ci vediamo su Zoom e ci alleniamo, sono molto soddisfatto e ringrazio ogni volta Valerio per la sua disponibilità e la sua dedizione al lavoro!

  4. Giandomenico // 25 gennaio 2021 a 23:20 // Rispondi

    Complimenti, ti seguo da tre mesi..entusiasmante! Continua così

  5. Valerio è riuscito a portare in un momento così difficile e con professionalità nelle case la Boxe. Penso che sarà sempre ricordato per questo!

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*