Voglia di vacanza: consigli e mete per riscoprire il piacere del viaggio

Abbiamo aspettato un anno intero, ora vogliamo tornare a decollare. Ecco i nostri consigli per tornare a viaggiare

Si avvicina l’estate e così le vacanze. Molti Paesi hanno già aperto o apriranno le loro frontiere per favorire il turismo. Ma molti magari si staranno chiedendo: “Mi conviene viaggiare, soprattutto in questo periodo?”

E’ passato ormai più di un anno dallo scoppio della pandemia, che ci ha colti impreparati e ci ha costretti a isolarci, a non poter più viaggiare, e questo ci ha profondamente segnati.

 

Ora, però, i vari Paesi si sono attrezzati, ci sono regole e misure di precauzione da prendere. Tutti i cittadini dovrebbero poi essere ormai sensibilizzati a dovere per poter tornare pian piano alla ‘normalità’ in sicurezza.

E dopo questo periodo così duro e provante non ci meritiamo forse un po’ di pace, di relax e di libertà?

Il ‘viaggio’, infatti, ha un ruolo nella vita di ognuno. Permette di staccare dalla quotidianità, liberare la mente, spezzare la noiosa routine e concedersi una piacevole pausa, allontanandosi dai problemi e dalle fonti di stress: viaggiare fa bene alla salute, sia fisica che mentale.

Ma questo è solo uno dei tanti benefici.

Viaggiare migliora le nostre capacità di relazione sociale: viaggiando incontriamo persone nuove con le quali  interagire, diverse per cultura e origine, siano esse altri viaggiatori come noi o locali, con le quali magari si stringeranno nuove amicizie anche significative, e perché no, si potrebbe anche trovare l’amore. Il viaggio è un’avventura che ci forma e ci fa conoscere il mondo.

Lo scambio culturale che deriva da queste interazioni mette in risalto le differenze ma anche gli aspetti comuni e questo ci porta a riflettere e ad avere una mente più aperta, e una mente aperta è in grado di trascendere dagli stereotipi e da barriere culturali di qualsiasi tipo.

Viaggiare, inoltre, è un’inesauribile fonte di esperienze formative: il contatto con culture e tradizioni diverse dalle nostre ci permette di imparare cose nuove, magari anche una lingua nuova, quindi arricchire il nostro bagaglio culturale e fare esperienze fuori dall’ordinario; ci fa uscire dalla nostra ‘comfort zone’, mettendoci di fronte alle più diverse situazioni nelle quali impareremo a destreggiarci acquistando anche più fiducia in noi stessi.

Viaggiare ci da l’opportunità di crescere come persone e questo processo di crescita è illimitato poiché ‘non si finisce mai di imparare’ e, come recita il proverbio “Travel is the only thing you buy that makes you richer” (viaggiare è l’unica cosa che paghi che ti arricchisce); per questo chi viaggia non ha età e non è mai troppo tardi per fare le valigie e partire.

I giovani e gli adolescenti, in particolaresono coloro che più ne avrebbero bisogno, perché stanno gradualmente entrando a far parte del mondo degli adulti e la loro fase di crescita è ancora agli inizi; e quale miglior modo di crescere se non attraverso un viaggio?

I ragazzi hanno il vantaggio di avere a loro disposizione un’infinità di opzioni: programmi Exchange Student, vacanze-studio ed Erasmus, magari per imparare anche una lingua nuova, vacanze-lavoro o semplicemente viaggi di piacere; qualsiasi tipo di esperienza andrà bene purché apporti qualcosa di nuovo e stimolante.

E sono proprio loro (noi!) che più risentono di questa mancanza con l’arrivo della pandemia: un’intera generazione di ventenni ha perso l’opportunità di fare tutte queste esperienze.

E anche se adesso il peggio sembra passato, molti sono ancora restii a muoversi, vista la situazione di emergenza sanitaria, magari perché non sanno che in realtà si può fare con facilità e in sicurezza: basta solo informarsi (qui il link alla sezione dedicata ai viaggi del Ministero della Salute) e vedere che nella maggior parte dei casi ciò che ci separa dalla partenza é veramente poco, come un tampone, o se si è vaccinati, il ‘green pass’.

Dunque viaggiare al di fuori del proprio Paese per turismo ora è finalmente possibile.

E ora vi vogliamo consigliare alcune mete per quest’estate 2021.

Mete da esplorare: i nostri consigli

Per chi volesse sfuggire alla calura estiva e al caos della vita di città, consigliatissime la Scandinavia (che comprende Danimarca, Islanda e Norvegia), che offre attrazioni mozzafiato, tra i quali i fiordi, le cascate islandesi, i musei e i reperti vichinghi e le isole Svalbard, il regno degli orsi polari;  qui è possibile avvistarli insieme a balene e foche.

L’arcipelago, che ispira l’isola degli orsi corazzati della saga fantasy de ‘La bussola d’oro”, esiste davvero e si trova nel Mar Glaciale Artico: è il luogo abitato situato più a nord dell’intero Pianeta. Interessanti da vedere sono anche l’Adventfjorden (il secondo fiordo più lungo della Norvegia) e il Global Seed Valut, una banca genetica di semi provenienti da tuto il mondo che serve a preservare la diversità biologica in caso di catastrofi come il riscaldamento globale.

isole Svalbard

In Finlandia si possono visitare la città di Helsinki (dove è possibile acquistare i prodotti tipici artigianali), il villaggio di Babbo Natale (aperto tutto l’anno). In Lapponia in estate è visibile il famoso ‘sole di mezzanotte’. Nella parte centrale del Paese c’è una regione di laghi, le cui acque forse sono troppo fredde per fare il bagno, ma permettono di fare gite sia in canoa che in kayak.

Chi invece non riesce a concepire un’idea di vacanza che non includa sole e mare, troverà la sua meta ideale nella Spagna, che al di là delle famosissime isole Baleari (con le intramontabili Ibiza e Formentera) e Canarie (che comprende sette isole, ognuna diversa dall’altra e tutte da scoprire), ha da offrire bellissime spiagge anche lungo la penisola, come quelle dell’Andalusia.

In particolare Nerja, chiamata “la joya de la Costa del Sol” (il gioiello della Costa del Sol), che con la vista che si può ammirare dal punto panoramico chiamato Balcón de Europa, dal quale si può scorgere l’Africa, vi incanterà. C’è anche la possibilità di visitare le magnifiche grotte millenarie, facilmente raggiungibili in autobus e, per gli amanti del buon cibo, c’è il tour delle tapas, il tipico “aperitivo” spagnolo, con una guida che oltre alla gastronomia, vi farà scoprire anche le curiosità sulla città e sulle usanze locali.

Non dimentichiamo la Grecia, che dispone di numerose isole da visitare, come l’arcipelago delle Cicladi. Famosissime le isole di Santorini e Mykonos ma non tutti sanno che la sua isola più grande, Naxos, viene addirittura paragonata alle Hawaii, per le sue spiagge bianche e le acque cristalline.

Oltre al mare stupendo, sull’isola si trovano diverse tracce del passato: sono moltissimi i siti archeologici da scoprire, tra i quali i resti dei templi di Apollo, Dioniso e Demetra e  le cave di marmo, dove si possono ammirare i Kouroi, le statue raffiguranti giovani eroi o fanciulle, rimasti abbandonati. Immancabile l’esperienza della crociera in catamarano per esplorare i dintorni di Naxos e delle piccole Cicladi.

Infine per gli amanti della natura semi selvaggia e della biodiversità proponiamo la Croazia, che oltre alle splendide zone costiere, ha ben otto parchi nazionali che presentano uno scenario paradisiaco e variegato: tra boschi, canyons, laghi e cascate, che la rende adatta per escursioni anche tranquille.

Molto noti i laghi di Plitvice e il Parco nazionale di Krka, dove si può nuotare ai piedi delle cascate insieme ai cigni. Ma ci sono anche altre mete meno conosciute che meritano, come il rifugio degli orsi di Kuterevo, oppure andare alla ricerca dei monumenti commissionati dal dittatore comunista Tito prima della caduta dell’ex Iugoslavia, che sono sparsi per tutto il paese. Oramai lasciati all’abbandono, questi monumenti noti come Spomenik, hanno tutto il fascino di un mondo perduto. C’è poi il parco di Lonjsko Polje situato nell’entroterra, dove si possono ammirare i cavalli selvatici e le cicogne: questi uccelli danno vita ad uno spettacolo incredibile con i loro enormi nidi costruiti sui comignoli delle case sperdute.

Per chi preferisce una natura ancora più selvaggia e ama l’avventura c’è anche il Portogallo: le correnti oceaniche delle sue acque sono perfette per il surf.

Le isole Azzorre, infatti, sono famose per l’omonimo anticiclone che condiziona il meteo di tutta Europa; quasi incontaminate, offrono una vasta serie di attività dal trekking a quelle marine, grazie alla grande diversità tra un’isola e l’altra (si tratta di 9 isole in tutto). In particolare sull’isola di Pico si trova il mote più alto del Portogallo, il vulcano Pico: dalla sua vetta si può vedere tutto l’arcipelago. Inoltre qui è possibile fare  ‘whale watching’: è in questa isola che è nata infatti la famosa storia di Moby Dick, il cui autore si è ispirato ai balenieri locali.

La vostra vacanza dei sogni vi sta aspettando e non c’è più tempo da perdere… Buon viaggio!

 

di Arianna Galeotti

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*